.........Sardegna. Cagliari, 18/03/2018 VIII Maratona di Cagliari--------- Sicilia. Donnalucata 25/03/2018 Prima Maratonina della Riviera di ponente. -- Stefano Baldini dice: Uno degli effetti della corsa è l’aumento del desiderio sessuale, si fa l’amore di più e meglio, anche perché il sesso è anche una componente fisica e con la corsa questo si sviluppa... Visitate i nostri archivi centinaia di gare e migliaia di foto dal 204 ad oggi a vostra disposizione .****Nel rullo tutte le gare Nazionali mese per mese.Posizionate il mouse sopra e il rullo si fermerà.

 


Tutte le edizioni della Normanna foto video montepremi


LE GARE NAZIONALI DI Febbraio 2018--------------  25/02 B XIII Mezza Maratona Citta' di Fucecchio km 21,097 STRADA Fucecchio (FI)  25/02 B XVII Maratonina Citta' di Treviglio km 21,097 STRADA Treviglio (BG)  25/02 B XXI Maratona "Sojasun Verdi Marathon" km 42,195 - Salsomaggiore T.-Fidenza-Fontanellato-Soragna-Busseto STRADA Salsomaggiore Terme (PR)  25/02 B VII Mezza Maratona Fontanellato km 21,097 - Salsomaggiore T. - Fidenza - Fontanellato STRADA Salsomaggiore Terme (PR)  25/02 B VIII Corri a Lecce km 21,097 STRADA Lecce (LE)  25/02 B II Monferrun km 21,097 STRADA Canelli (AT)  25/02 B VI Pietro Mennea Half Marathon km 21,097 STRADA Barletta (BT)  25/02 B Run4EtnaCity Half Marathon I Catania corre la Mezza Maratona - km 21,097 STRADA Catania (CT)  25/02 N 2^ Prova del CAMPIONATO di SOCIETA' di CROSS (entro il 25 feb) (i Comitati Regionali sono liberi di organizzare i Campionati Regionali Individuali insieme al CdS oppure in altra data) CROSS Sedi Varie ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ REGIONALI CALABRIA Febbraio 2018 --------------------- 25/02/2018 SAN COSTANTINO CAL RECUPERO CDS CROSS 2^ PROVA 25/02/2018 LAMEZIA TERME CAMPIONATI REGIONALI INDIVIDUALI GIOVANILI MARZO 18/03/2018 CETRARO CdS ED INDIVIDUALI CROSS MASTER

compleanno/birthdays

cumpleanos/anniversaires 

geburtstage                                               


Santi del giorno


Segnala questo sito Introduci la E-mail del destinatario

Ora esatta e fuso orario in tutti i paesi del Mondo calocola qui

San Giovanni in Fiore (CS)    Cross in Fiore .    "Cross per davvero"

Per conoscere la vostra posizione societaria cliccare sulla  Regione

Siamo forti maratoneti perchè siamo il piede dell’Italia

Created By MiletoMarathon

A tagliare per primi il traguardo della 5^ CROSS IN FIORE sono Marco Barbuscio e Teresa Latella.

 

L’ASD Jure Sport con la collaborazione della Fidal Comitato Regionale Calabria e Provinciale di Cosenza, ha organizzato a San Giovanni in Fiore, la 5^ edizione della manifestazione di cross denominata “CROSS IN FIORE”,

una gara di cross Nazionale, organizzata alla perfezione, in una location eccezionale e che può sicuramente candidarsi a concorrere per il Campionato Nazionale Cross 2019.

 

La manifestazione è stata ospitata, anche quest'anno, dalla bellissima struttura dell'Agriturismo Tenuta di Torre Garga,che ha accolto magnificamente tutti gli atleti mettendo a loro completa disposizione i propri locali e consentendo così a tutti di usufruire di un ambiente caldo e protetto prima di buttarsi nel percorso di gara, tipico del cross e quindi pieno di asperità, fango e pozzanghere; un percorso molto bello su un circuito di 3 km da ripere 2 volte dai master maschili e femminili e 1 sola volta dagli allievi,un percorso molto tecnico, impegnativo ed altamente professionistico, creato da Paolo Audia e collaudato ormai quattro anni fa, un percorso che ha fatto assaporare a tutti gli atleti l'aria frizzantina e salutare dell'altopiano Silano, ed ha fatto godere di uno spettacolo naturale mozzafiato,tra alberi secolari e grandi distese verdi innevate che hanno fatto da cornice alla bellissima giornata di sport.

 

Tutti gli atleti, al loro arrivo, hanno potuto godere di un ambiente accogliente e preparato per le migliori occasioni, gli spogliatoi riscaldati da un grande caminetto acceso, la sala ristoro con un altro grande camino, i locali dell'agriturismo Torre Garga con il personale disponibilissimo, e tutto intorno sorrisi e abbracci e questo grazie all'impegno della società podistica organizzatrice, la Jure Sport, che anno dopo anno si è impegnata affinchè questa manifestazione diventasse un fiore all'occhiello dell'atletica calabrese, e di sicuro lo è diventata, per organizzazione, percorso gara e soprattutto accoglienza e tutto questa ha permesso a questa gara di fare il salto di qualità entrando nel calendario Nazionale.

 

Quest'anno la partenza della gara è stata unica, infatti alle 10:45 circa tutti gli atleti si sono ritrovati sotto l'arco di partenza ed i giudici Fidal hanno dato il via; la gara è stata molto dura e pesante su un circuito innevato che ha racchiuso in sè tutte le caratteristiche del vero cross e sul quale tutti gli atleti si sono impegnati al massimo per onorare una così bella gara.

Alla fine dei 2 giri previsti, a tagliare per primo il traguardo è il giovane Marco Barbuscio della corriCastrovillar, secondo si è iazzato l'atleta della Jure Sport il mitico Paolo Audia,terzo Antonio Amodeo della Corricastrovillari.

 

Per quanta riguarda la gara femminile, è stata vinta dalla sempre fortissima teresa latella tesserata per la Podistica Messina, seconda è l'atleta della CorriCastrovillari Valentina Maiolino e terza l'atleta della Team Basile Olivia Chorzepa.

I colori della Miletomarathon sono stati rappresentati da Luisa Lamanna, la sottoscritta e dal Presidente Salvatore Auddino, al quale va il merito della bellissime foto che poi tutti potranno vedere.

 

Con le premiazioni si è conclusa questa splendida giornata di sport, che ci ha fatto scoprire ancora di più ed assaporare il gusto di un paesaggio spettacolare della Sila, per questo ringraziamo in primis la società organizzatrice ovvero la Jure Sport, la Fidal Calabria, i giudici e tutti gli atleti che hanno voluto essere presenti a questa giornata di vero sport e vera amicizia.

 

Redazione Correre.org- Rossella Artusa                        Fotogallery Completa By S.A. 

 

 

Salvatore Audino Complimenti vivissimi per la perfetta organizzazione ospitalita, e la  cura del campo di gara.

Artisti e Convegni 

Cri e Fondazione

 

Papa Francesco site

Provincia di Vibo Valentia Tropea e dintorni photo Gallery

Giulietta e Romeo Half Marathon 18 febbraio 2018

Tanto Kenya alla Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon: vittorie per Ndorobo e Jerono, bene Anna Incerti e Claudia PinnaSempre la solita Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon, organizzazione perfetta e zeppa di gente, di sorrisi, di campioni, d’amore e di cuori innamorati dello sport, della corsa e non solo. Tre gare in un solo evento, quasi 10mila al via, per questa classica veronese giunta ormai alla decima edizione organizzata da Veronamarathon Eventi in collaborazione con il Comune di Verona. Tutti hanno potuto partecipare, dai campioni professionisti ai bambini in passeggino, dai 21 ai 5km, chilometri e spazio per tutti.

IL DUELLO - La temuta pioggia non è arrivata, scarso il vento sul percorso, temperatura perfetta per indossare un paio di scarpe da running e presentarsi al via. Solo un po’ scivoloso l’asfalto e i sampietrini bagnati in alcuni punti ed in alcune curve sul tracciato, ma lo spettacolo non ne ha risentito. Padroni indiscussi della gara gli atleti africani provenienti dagli altopiani del Kenya e come preventivato e preannunciato primi quattro posti in classifica tutti prenotati e presidiati. Idem per la gara femminile anche questa dal successo firmato da un’atleta keniana. Ma non per questo gara poco spettacolare, anzi, la cavalcata ed il duello spalla a spalla tra Peter Kwemoi Ndorobo e Ishmale Chelanga Kalale durante tutti i 21km ha tenuto con il fiato sospeso tutti coloro che hanno seguito la gara sia dal vivo sul megaschermo seduti in tribuna sull’arrivo in piazza Bra, sia chi stava seguendo la diretta live-streaming da ogni dove del globo. Una sfida che si è conclusa con una lunga volata, uno sprint durato parecchie centinaia di metri attorno all’Arena per concludersi sul Liston, il salotto buono dei veronesi, con Ndorobo in vantaggio di pochi metri che lo ha visto tagliare il traguardo per primo in 1h01’01” mettendosi così alle spalle per due soli secondi (1h01’03”) Kalale (Atl. Casone Noceto). Non è arrivato il primato della gara, irraggiungibile oggi l’1h00’24” siglato l’anno scorso da Edwin Koech, ma brividi ed emozioni sono stati abbondanti: “Con l’asfalto asciutto avrei potuto correre almeno mezzo minuto più veloce, ma sono comunque soddisfatto. Ci proverò ancora a battere il mio primato personale in qualche altra mezza maratona nelle prossime settimane” il pensiero del vincitore Ndorobo. Terzo gradino del podio oggi per Reuben Kiprop Kerio leggermente staccato in 1h02’58”, quarto Rodgers Maiyo in 1h03’13”.

 

 

Ogni mattina,

alzandoti, e ogni sera, prima di andare a dormire, ringrazia la vita dentro di te e per la vita tutta, per tutte le buone cose che il Creatore ha dato a te e agli altri, e per l’opportunità di crescere ogni giorno di più. Considera quanto hai fatto e pensato nel corso del giorno e chiedi il coraggio e la forza di diventare una persona migliore. Cerca quanto puo’ essere beneficio a tutti.

Rispetto. Rispetto significa:”sentire o dimostrare onore o stima per qualcuno o per qualcosa; considerare il benessere degli altri o trattare qualcuno o qualcosa con deferenza e cortesia”. Mostrare rispetto è un principio di base nella vita: tratta in ogni circostanza ogni persona, dal più piccolo bimbo al più maturo degli anziani, con rispetto

 

VIVA L’ITALIA - Primo italiano è il biellese Francesco Bona (C.s. Aeronautica) in 1h04’43”, mentre si conferma atleta dalle eccezionali doti su strada oltre che in quelle di montagna dove è un leader assoluto il trentino Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe) che ha terminato settimo assoluto in 1h04’48” triturando il suo primato personale fissato proprio qui a Verona un anno fa in occasione del suo esordio sui 21km dove fece 1h05’54”.

 

LE DONNE - Gara femminile dominata dall’inizio alla fine della keniana Vivian Kiplagat Jerono che ha tagliato il traguardo in 1h11’59”, lontana dal suo primato personale di 1h09’05” ma oggi come detto tra asfalto scivoloso e una gara corsa in solitaria e a ritmi tranquilli fino al 15esimo chilometro non le hanno permesso di fare meglio. “Va bene così, ho fatto del mio meglio –ha detto la Jerono al traguardo – Ora finalizzerò la Maratona di Milano dove già ho partecipato l’anno scorso arrivando in 2h28’ e dove spero di fare ancora meglio”.

 

INCERTI E LE ALTRE - C’era molta attesa per l’azzurra già campionessa europea di maratona Anna Incerti (G.s. Fiamme Azzurre) che si è piazzata seconda, come nel 2014, in un modesto, per una della sua caratura, 1h14’01”: “Non sono certo soddisfatta – fa sapere Anna nel dopo gara – Ma oggi davvero non valevo di più. Sono stati giorni difficili tra un’influenza e il mal di schiena che mi ha condizionata parecchio in quest’ultimo periodo. Come detto questo era un test, forse non avrei dovuto gareggiare e se l’ho fatto è solo per l’amicizia ed il rispetto per gli organizzatori di questa splendida gara. Ora so da dove devo ‘parto’ per il prossimo intenso periodo d’allenamenti che mi porterà a fare una maratona in Aprile”. Terza, quarta e quinta posizione ad un terzetto che abbiamo già imparato a conoscere sulle strade veronesi nell’autunno scorso in occasione della Agsm Veronamarathon. Nell’occasione giunsero seconda, terza e quarta. Oggi il terzo posto è stata per la sarda Claudia Pinna (Cus Cagliari) capace di correre in 1h14’53”, quarta posizione per Teresa Montrone (Alteratletica Locorotondo) in 1h15’42” e quinta piazza per Anna Spagnoli (Edera Atl. Forlì) in 1h17’02”.

 

 

RISULTATI COMPLETI     PHOTOGALLERY

Legami - potrò ancora cantare -

Scacciami - il mio mandolino

Risuonerà sincero, dentro -

Uccidimi - e la mia Anima salirà

Inneggiando in Paradiso -

Ancora tua -

Emily Dickinson

 

E vanno gli uomini ad ammirare le vette dei monti, ed i grandi flutti del mare, ed il lungo corso dei fiumi, e l'immensità dell'Oceano, ed il volgere degli astri.e si dimenticano di se medesimi

(Sant'Agostino)

 

Due amanti silenziosi somigliano a due arpe con lo stesso diapason e pronte a confondere le voci in una divina armonia

(A.Karr)

 

Dovunque l'uomo voglia vendersi trova degli acquirenti

(Henri Lacordaire)

 

E' mia ambizione dire in dieci frasi quello che altri dicono in interi volumi

(Friedrich Nietzsche)

 

E' curioso a vedere che quasi tutti gli uomini che valgono molto hanno le maniere semplici; e che quasi sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco valore

Giacomo Leepardi)

LE GARE DEL 18 FEBBAIO 2018 RISULTATI

Mezza Maratona Scandicci

Ivan Valenti e Bethany Thompson vincono la 15ma edizione della Mezza Maratona di Scandicci, 900 runners al via

In 900 a Scandicci nella mattinata di domenica 18 febbraio 2018 per la 15ma edizione della Mezza Maratona di Scandicci, alle porte di Firenze. A vincere sono stati Ivan Valenti e Bethany Thompson.

Il portacolori dell'Atletica Castello ha chiuso i 21.097km dopo 1h12'35" prevalendo nella seconda parte di gara con Mohamed El Ouardi (1h12'51"). Terza posizione per Hicam Midar (1h15'29"):

Al femminile la britannica primeggia con il crono di 1h25'28", sul podio anche Majidae Sohn (1h26'34") e Laura Chiaramonti (1h28'22").

 

RISULTATI

Mezza Maratona Giudicato

In tanti per la 5° edizione della Mezza Maratona del Giudicato di Oristano: vincono Oualid Abdelkader e Manuela Manca

Sono stati oltre 700 i runners che nella mattinata di domenica 18 febbraio 2018 hanno preso parte alla quinta edizione della Mezza Maratona del Giudicato di Oristano. I primi a tagliare il traguardo della 21.097km sarda sono stati Oualid Abdelkader e Manuela Manca.

L'atleta del Cagliari Marathon Club ha completato la sua prova dopo 1h10'24" precedendo piuttosto nettamente Stefano Floris (1h11'21") e Salvatore Mei (1h11'48").

Tra le donne la Manca chiude in 1h20'20" davanti a Elisabetta Curridori (1h21'32") e Cinzia Meloni (1h23'00").

 

RISULTATI

 

Kurren Kurren

In 1400 per la quarta edizione della 10km di Caivano: vincono Dario Santoro e Loredana Brusciano

Grande successo per la quarta edizione della Kurren Kurren, la 10km di Caivano, andata in scena nella mattinata di domenica 18 febbraio 2018: al via si sono presentati in 1400.

Il primo a tagliare il traguardo è stato Dario Santoro che con il tempo finale di 30'57" ha preceduto Ismail Adim (31'32") e Marco Piccolo (32'09").

Al femminile successo per Loredana Brusciano che taglia il traguardo in 38'42", sul podio anche Filomena Palomba (39'46") e Carmela Febbraio (40'28").

 

RISULTATI

 

Maratonina di Centobuchi

Michele Belluschi e Marcella Mancini si aggiudicano la 28ma edizione della Maratonina di Centobuchi, in 500 al via

Ha riscosso come sempre un grande successo la 28ma edizione della Maratonina di Centobuchi andata in scena nella mattinata di domenica 18 febbraio a Centobuchi Di Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno.

Tra gli oltre 500 partenti il più veloce è risultato essere Michele Belluschi che ha tagliato il traguardo in 1h08'43" andando a precedere di 10" Biniyam Senibeta Adugna e di 2'31" Francesco Raia.

Tra le donne successo con ampio margine per Marcella Mancini che ferma il cronometro dopo 1h21'37", dietro di lei Caterina Cavarischia (1h28'34") e Katia de Angelis (1h29'03").

Risultati completi nel link sottostante

 

RISULTATI

 

Puccini Half Marathon

Gideon Kiplagat Kurgat e Ivyne Lagat Jeruto sono i vincitori della Puccini Half Marathon 2018, oltre 500 al via

Festa keniana a Viareggio dove nella mattinata di domenica 18 febbraio 2018 è andata in scena la Puccini Half Marathon: i primi a tagliare il traguardo sono stati infatti Gideon Kiplagat Kurgat e Ivyne Lagat Jeruto.

Il portacolori della Virtus Lucca, oggi all'esordio con la sua nuova società, primeggia tra gli oltre 500 partenti con il crono di 1h05'50" davanti al rwandese Primien Manirafasha (1h07'07") ed al marocchino Jilali Jamali (1h10'36").

Nettissimo anche il successo della Jeruto che chiude in 1h16'25" davanti a Rosa Alfieri (1h22'36") e Katarzyna Stankiewicz (1h23'19").

 

I RISULTATI

 

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro

per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera,

e vivrò in te la vita di un fiore

sotto i raggi del sole.

Canterò il tuo nome come la valle

canta l'eco delle campane;

ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta

la storia delle onde.

 

~ Kahlil Gibran ~

Cross Seveso

Sorprese e conferme in gara 4 al Bosco delle Querce di Seveso. Tra i senior prevale il miler Federico Maione (Cantù Atletica) sull'ex azzurrino Andrea Seppi (Trieste Atletica), la gara femminile vede il tris dell'allieva Susanna Marsigliani (Fanfulla Lodigiana), mentre tra gli under 20 regola il gruppo il neo campione italiano dei 1000 indoor, l'allievo Andrea Sambruna (100 Torri Pavia). Tra i master over 50 arriva finalmente la vittoria di Massimo Martelli (Road Runners Club Milano) dopo tre argenti consecutivi. I concomitanti campionati regionali Cadetti/e cambiano il lotto dei partenti. Primi successi per Roberto Colombo (Atletica Cesano) e Breanna Federica Selley (100 Torri & Vigevano Atletica Young). Tra i Ragazzi si conferma Davide Delaini (Euroatletica 2002) mentre Cecilia Di Palma (Pol. Novate) vince a sorpresa tra le Ragazze. Dei 1526 atleti arrivati al traguardo 670 hanno animato le gare degli Esordienti. Domenica 25 febbraio la chiusura del circuito con la gara di Lissone.

 

La gara senior corre via subito su ritmi elevati, merito degli iscritti dell'ultimo momento che sparigliano i piani dei favoriti. Nel lotto dei contendenti si inseriscono subito Federico Maione (Cantù Atletica), 21enne da 3:50 nei 1500 ma non nuovo a escursioni su distanze più lunghe. A tirare il gruppo c'è anche Andrea Seppi (Trieste Atletica), 30 anni da compiere ma con un passato da nazionale under 23 e un tricolore Promesse nei 5000 (14:09) nel 2009. La testa della gara si screma ma restano nel gruppo i favoriti della vigilia, Andrea Soffientini (Azzurra Garbagnate) e Mattia Parravicini (AS Canturina). Il duo Maione-Seppi intanto fa il vuoto e dopo 6 km si presentano insieme sul rettilineo finale. Qui Maione, studente al Campus del Mezzofondo dell'Insubria, fa valere le sue doti da miler e guadagna un metro che gli consente di vincere. Terzo si piazza Soffientini, staccato di 42 secondi, poi arrivano Thomas Previtali (Atletica Vedano), Maurizio Vanotti (Atletica Valle Brembana), Parravicini e Yassine Fatmi (US San Vittore Olona).

 

La gara femminile vede il terzo successo consecutivo di Susanna Marsigliani (Fanfulla Lodigiana). Cambiano le avversarie ma non il risultato, con Susanna che allunga nel finale di gara quanto basta per superare ancora Roberta Vignati (Sangiorgese) che però stavolta rimonta in chiusura per chiudere staccata di un solo secondo. Terza è la junior Federica Maggio (Virtus Binasco), poi Eugenia Vasconi (Cus Insubria), Erica Sorrentino (Pro Sesto), miglior Promessa, e Alessandra Arcuri (GSA Cometa - SF40) la migliore delle master. Per Marsigliani si chiude qui il Cross per Tutti: domenica prossima sarà impegnata nei Campionati Regionali di cross.

 

La gara under 20 si anima a sorpresa con l'arrivo all'ultimo minuto di Andrea Sambruna (100 Torri Pavia), fresco vincitore dei 1000 metri ai Campionati Italiani Allievi Indoor. La corsa si anima subito, con lo junior Federico Castrovinci (Pro Sesto) impegnato a tenere il passo insieme alla pattuglia degli allievi guidata da Carlo Bedin (Team-A Lombardia). E' sulle salitelle finali che Sambruna si stacca e arriva al traguardo tutto solo. Dietro un grande sprint per la piazza d'onore con Castrovinci che riesce all'ultimo passo a superare Bedin. Seguono Alessandro Felici (Fanfulla Lodigiana), Matteo Pintus (US Milanese), Matteo Burburan (Atletica Monza) e Francesco Tarasco (Atletica Rovellasca). Anche per Sambruna ora obiettivo sui Campionati regionali e poi gli Italiani di cross dell'11 marzo.

Tra i master over 50 è subito sfida tra i tre favoriti di giornata. Massimo Martelli (Road Runners Club Milano), leader degli M50, Paolo Donati (Ondaverde) primo a Paderno Dugnano e Marcello Rosa (Libertas Sesto), rientrato in gruppo dopo una tendinite. Il terzetto fa subito il vuoto dietro e si sgretola con regolarità nell'ultimo giro. Sul traguardo, primo successo in questa edizione per Massimo Martelli che stacca di 4 secondi Paolo Donati, poi Rosa rientra molto bene staccato di soli 50 metri. Distacchi ben più sensibili per Davide Scarabello (Ondaverde), Donato Bozza (Azzurra Garbagnate), Gerardo Pisano (Euroatletica 2002), Giacomo Lia (GS Marathon Max) e Silvio Grassi (La Recastello).

Charlie Chaplin

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere così come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita

prima che l’opera finisca senza applausi…

 

Allorché la terra fu creata con tutti gli esseri viventi,

l'intenzione del Creatore non fu di renderla vivibile solo agli uomini.

Siamo stati messi al mondo

assieme ai nostri fratelli e sorelle,

con quelli che hanno quattro zampe,

con quelli che volano e con quelli che nuotano.

Tutte queste forme di vita, anche il più piccolo filo d'erba,

formano con noi una grande famiglia.

Tutti siamo fratelli e tutti siamo ugualmente importanti su questa terra.

Cinque Mulini 11/02/2018

Grande successo della classica campestre di San Vittore Olona! Le premesse, alla vigilia, c’erano tutte e, alla fine, è stato anche quest’anno un grande spettacolo, come ormai accade a San Vittore Olona quando si scatena lo show della Cinque Mulini, giunta ormai alla sua 86^ edizione.

 

Sugli undici chilometri della gara Senior maschile, caratterizzata da continui cambi di ritmo e passaggi angusti e tortuosi, nonostante il fondo reso pesante dalla pioggia caduta nella serata di venerdì, è stato il corridore ugandese Jacob Kiplimo a tagliare per primo il traguardo, stroncando la concorrenza agguerrita e andando a vincere con un allungo nell’ultimo giro di gara, con il tempo di 34:00.

Il titolo di Campione dei Mulini ritorna così in Uganda, quattordici anni dopo l’ultima volta, nel 2004, quando a trionfare fu Boniface Kiprop.

 

Secondo sul traguardo Haile Telehaun, mentre terzo si è piazzato Taye Girma. Primo degli italiani al traguardo è stato uno splendido Yemaneberhan Crippa, giunto al traguardo al quinto posto. Il giovane atleta lecchese ha lottato sino all’ultimo a fianco dei migliori, cedendo solamente nelle ultime fasi.

 

Tra le donne, la gara è stata ugualmente combattuta ed ha visto trionfare solo nelle battute finali Letesenbet Gidey, con il tempo di 18:14, confermando il pronostico che la vedeva tra le favorite della vigilia. Sui sei chilometri previsti per la gara Senior femminile odierna, l’atleta etiope ha preceduto la keniana Daisy Jepkemei e l’altra etiope Feysa Hawi. Tra le atlete azzurre presenti oggi, la migliore è stata Martina Merlo con un brillantissimo settimo posto.

 

Vittoria italiana tra gli juniores, dove si è imposto Luca Alfieri con il tempo di 26:26, davanti a Mihail Sirbu e Federico Riva. In campo femminile, invece, vittoria l’etiope Feysa Hawi, già terza assoluta, che ha preceduto sul traguardo le azzurre Michela Cesarò e Ludovica Cavalli.

 

Tantissimi gli atleti in gara anche nelle competizioni del mattino, degno antipasto alle competizioni di livello internazionale: sorrisi, grida e scalpitio di gambette per gli atleti più giovani, che si sono misurati a loro volta sul percorso dell’86^ Cinque Mulini. E’ stata un’emozione unica vedere correre questi giovanissimi pieni di entusiasmo incuranti delle difficoltà del tracciato.

 

Anche quest’anno un’edizione all’altezza della tradizione, un’edizione che ha ancora una volta voluto dare lustro ai campioni del futuro, con ben due Campioni del Mondo U20 ai nastri di partenza delle gare Senior, oltre a tanti giovani interessanti.

L’Unione Sportiva San Vittore Olona 1906 ASD intende vivamente ringraziare tutti coloro che l’hanno accompagnata nella realizzazione di questo importante evento. In primo luogo la IAAF, la FIDAL, la Regione Lombardia, la Provincia di Milano e l’Amministrazione Comunale di San Vittore Olona. Tra gli sponsors principali il nostro grazie speciale va a Unet, Mondo Convenienza, Banco BPM,Union, Riso Gallo, Enervit, Palzola, Amaltea, Cinzia Soft, Sport Specialist,T.T...E, Monks, Acqua Maniva, Roveda Assicurazioni, Ceriani Auto, Alumat, Errea e Laica,.

 

Un plauso particolare va ai più di duecento volontari che ogni anno prestano il loro insostituibile impegno in seno all’organizzazione.

 

 

Arrivederci al 2019 per l’87^ edizione!  Risultati/ Result

 

Siamo a 300 grazie a v oi

Siamo donne uomini e marziani

Siamo il coraggio

che ti fa cominciare

la passione per continuare

la sfida con te stesso

Siamo le gocce di sudore

le lacrime di gioia

il bacio alla terra di Gelindo

il pugno al cielo di Stefano

Siamo i master pieni di futuro

i chili che hai perso

i compagni di strada

che altrimenti

non avresti conosciuto

Siamo borracce, canfora

e pipì dietro gli alberi

Siamo la tua prima maratona

e non saremo l'ultima

neve, deserto, pietr e città

e polvere di pioggia

e rispetto dell'avversario

Siamo albe

di colazioni al miele

buio di sentieri da trail

tende e veglie nella 24 ore

scarpe che non vuoi

ti buttino via

siamo bottega amara

di cortesia

Siamo domande, dubbi,

perchè, errori, infortuni

Siamo e saremo solo

tempi di passaggio.

Mohamed Idrissi e Annalisa Di Carlo vittorie nel vento alla Mezza maratona di Capo d’Orlando

Nella 10.5 km vittorie di De Caro e Betta. Ottima l'organizzazione a marchio Podistica Capo d'Orlando nella prima prova del Running Sicily-Coppa Conad 2018

Amministratore 11 febbraio 2018 0 389 2 minuti di lettura

Capo d’Orlando (Me). Ci si aspettava la pioggia, è arrivato invece il vento ad “accompagnare” l’ottava edizione della Mezza Maratona di Capo d’Orlando, prova d’apertura del Running Sicily-Coppa Conad 2018. A vincere, dominando in lungo e in largo gli avversari, è stato Mohamed Idrissi (Mega Hobby Sport) che ha fatto il bis, dopo la vittoria dello scorso anno. Tutto facile per l’atleta della scuderia di Giampaolo Mantegna che ha impresso un ritmo forsennato alla gara, distribuendo distacchi siderali. Idrissi ha vinto con il tempo di 1.10.57. Alle sue spalle è giunto Giuseppe Tine’ della Floridia Running in 1.17.27 che ha avuto la meglio sul lombardo Renzo Raimondi dell’Atletica Lecco 1.17.53.

Annalisa Di Carlo

Al femminile ancora Mega Hobby Sport sul gradino più alto del podio con una ritrovata Annalisa Di Carlo, vincitrice nel 2016. Per la Di Carlo, che ha tenuto un passo costante per tutta la gara, il tempo finale di 1.30.49, una vittoria sofferta e sicuramente per questo ancora più bella, con la seconda classificata Maria La Barbera (Marathon Altofonte) giunta 11 secondi dopo (1.31.00), per la parchitana la gioia del secondo posto e la consapevolezza di avere disputato una prova maiuscola. Terza piazza per un’altra atleta, rivelazione dell’ultima parte della scorsa stagione e conferma di questo inizio, Luana Russo della Marathon Club Sciacca in 1.31.52.

 

Lo sport, va da dire che le discipline sportive sono tante, di sicuro il loro papà si chiama sport ed è il proprietario di tutte le attività psico- fisiche. Quando si intraprende una disciplina, si entra far parte di un mondo diverso, un mondo fatto di regole e di rispetto, un mondo che ti matura dentro l'anima e ti fa sopportare fatiche immense,un mondo che ti ricompensa con momenti di vera felicità, è come il contadino quando ara la terra e semina, all'inizio è sofferenza e stanchezza ma poi arriva il tempo del raccolto dei frutti; chi ha seminato bene raccoglie frutti buoni. Quando sono arrivato qui a mileto non avevo né terra né alberi da frutto, allora, ho pensato che bisognava seminare qualcosa e così ho fatto; ho seminato quello che la vita mi ha insegnato ossia amare la natura, vivere lo sport come stile di vita, avere rispetto delle cose e degli altri, e così, anche io, mi ritrovo a raccogliere i frutti della mia semina che si chiamano amicizia, amore, fraternità; cose che ultimamente sono diventate una merce molto rara. Se non avessi divulgato lo sport ,oggi , non avrei avuto gli amici che ho, che mi fanno sentire importante e mai solo, sono fiero di loro e ne ho molta stima; questa ricchezza va conservata gelosamente e anche se a volte abbiamo opinioni diverse, è bene,perché ciò serve a cementare e a far diventare sempre più forte il legame che ci unisce. Tutto ciò però, non è farina del nostro sacco ma semplicemente lo sport che ci ha uniti, padre buono dei valori importanti della nostra vita sociale. Salvatore Auddino 30 gennaio 2009

Non solo mezza ma anche la 10,5 km (due giri del percorso cittadino con partenza ed arrivo sul Lungomare Andrea Doria, a differenza della mezza dove i giri erano quattro): a vincere sono stati Francesco De Carodell’Amatori Duilia, tra gli uomini (38.05) e Tatiana Betta della Podistica Messina in 41.06, tra le donne. De Caro ha avuto la meglio su Demetrio Falcone della Podistica Capo d’Orlando (38.22) e Giorgio Giacalone della Good Race Team (39.54), mentre tra le donne alle spalle della catanese Betta, Nadiya Sukharyna dell’Associazione sportiva Torrebianca in 45.15 e Luigia Tripepi della Podistica Messina in 46:17.

A fare da prologo alle due gare competitive, la #PinkProjectRun contro la Violenza di genere. Tante le maglie fucsia con logo a tema e numero telefonico anti violenza (1522), per dire #noallaviolenzadigenere – al passo o di corsa – il tutto organizzato dall’associazione che opera sul territorio a tutela e in difesa delle donne soggette a violenza.

Tatiana Betta

In premiazione anche gli ultimi arrivati e menzione speciale per Edoardo Vaghetto pettorale numero uno e sempre presente a Capo d’Orlando. Premi anche per gli ultimi arrivati, mentre il patron della Maratona di Palermo Gebbia ha premiato le società con più finisher alla gara del novembre scorso, nell’ordine Palermo H.13.30, Palermo Running e Marathon Monreale.

Ottima l’organizzazione a marchio Cinzia Sonsogno, che ancora una volta al di là del traguardo ha messo il cuore, oltre che tutta la sua professionalità, coadiuvata dal suo staff.

Archiviata la Mezza maratona di Capo d’Orlando, il programma del Running Sicily 2018-Coppa Conad, del patron Nando Sobello, prevede il 25 febbraio la Maratona di Malta, il 22 aprile la 10 km di Cefalù ed il 14 ottobre l’International Half Marathon di Palermo.

 

Risultati/Result

Chiesi a Dio...

di essere forte per eseguire progetti grandiosi:

Egli mi rese debole per conservarmi nell'umiltà.

Domandai a Dio che mi desse la salute

per realizzare grandi imprese:

egli mi ha dato il dolore per comprenderla meglio.

Gli domandai la ricchezza per possedere tutto:

mi ha fatto povero per non essere egoista.

Gli domandai il potere

perché gli uomini avessero bisogno di me:

egli mi ha dato l'umiliazione

perché io avessi bisogno di loro.

Domandai a Dio tutto per godere la vita:

mi ha lasciato la vita

perché potessi apprezzare tutto.

Signore, non ho ricevuto niente di quello

che chiedevo,

ma mi hai dato tutto quello di cui avevo bisogno

e quasi contro la mia volontà.

Le preghiere che non feci furono esaudite.

Sii lodato; o mio Signore,

fra tutti gli uomini

nessuno possiede quello che ho io!

Kirk Kilgour

Entra qui

Created By correre.org

Created By Correre.org

 

A.S.D. Miletomarathon Presidente Salvatore Auddino  Sede: Via Cattaneo 28 - 89852 Mileto (VV) - C:F:e.P.iva:96025290790 - Codice Fidal VV 363 - Coni: Registro Nazionale N°921312 -ASI CAL-VV0084 -  Cell.3388306612

 

info@correre.org

miletomarathon@libero.it

salvatoreauddino@email.it 

 

Correre.org e Miletomarathon.it Webmaster Salvatore Auddino